Tribeca Café

Tribeca è un ottimo locale dove fare un buon aperitivo. E a Roma ce ne sono pochi.

Si trova in via Messina, vicino Porta Pia, ed è composto di due sale per una cinquantina di posti a sedere in totale. Stranamente, non ho mai trovato pieno. Pur essendo aperto tutto il giorno, io l’ho sempre provato per l’aperitivo, a partire dalle 18,30 in poi, fino alle dieci circa, quando chiude.

Nella sala principale trovano posto, oltre ai tavoli e al bancone, un grande tavolo quadrato (sì, è quello in foto) con le molte portate dell’aperitivo, che vengono rimpinguate nel corso della serata. Ci si trova di tutto, da insalate magrissime e frutta di stagione a due-tre tipi di pasta, riso e cous cous, a pasticci di carne e verdure, oltre alle immancabili frittate miste. Molto ricco e soddisfacente.

Piacevolissimo l’ambiente: soffitti alti, musica al giusto volume, tavoli comodi e distanziati il giusto. Tribeca promosso a pieni voti.

Il prezzo dell’aperitivo è di 8 Euro per un bicchiere di vino e per l’accesso libero al buffet.

Mangiare a New York – I miei indirizzi

Un po’ di note sparse al ritorno da New York, dove ho partecipato al TOC 2011.

Giornata da groupie a parte, in cui girando abbiamo incontrato nell’ordine Paris Hilton che entrava al Late Night di Letterman, il cantante dei Green Day in uscita dal suo musical e nientemeno, pochi metri più in là, che Al Pacino all’uscita del Mercante di Venezia:

Ne approfitto per fare un nodo al fazzoletto su alcuni indirizzi che sono stati una conferma alla mia quarta volta a New York o una scoperta in giro per Manhattan:

  • l’Hotel Portland: molto economico, sui 110 Dollari a notte, per la posizione ultra-strategica: a pochissimi metri (!) da Times Square. Negli scorsi anni era pulito ma un po’ trasandato nelle stanze. Da quest’anno, dopo tre anni di lavori, le stanze erano tutte rinnovate e davvero stupende. Ancora in ristrutturazione le aree comuni, sospetto che alla conclusione dei lavori i prezzi non saranno più così attraenti
  • Fresh & Co. è di gran lunga il mio posto preferito per la colazione. Io vado sempre a quello vicino all’albergo, al 1211 della Sixth Avenue. Cibi naturali per tutti i gusti, ma in particolare sono ghiotto del caffé alla nocciola, equilibratissimo, del Muffin Morning Glory, un tripudio di uvetta, noci, carote e semi vari (la ricetta per farlo in casa è qui) e l’oatmeal
  • Per la pausa pranzo, dopo aver macinato strada, cerco di andare da Whole Foods Market. Sono enormi supermercati alimentari specializzati sul fresco, che hanno però un’enorme area self service in cui c’è letteralmente di tutto: ci si serve da soli in banchi con decine di zuppe, a insalate da comporre a proprio piacimento scegliendo tra dozzine di ingredienti (dalla semplice lattuga, al tofu affumicato con il sesamo, dagli edamame ai broccoli al vapore), oppure piatti indiani, messicani, cinesi, giapponesi, ma c’è anche un bancone con una grande varietà di Sushi, Sashimi e Maki preparati da 4 cuochi sul posto o a portar via, un banco con pizze al taglio simili a quelle romane, banchi con polli e carni arrosto, dolci, bevande, insomma, di tutto. Una volta pagato, si va nelle ampie sale da Fast Food, dove c’è peraltro wifi gratuita (plus notevole). Unico problema, per me enorme: la porzione la si prepara da soli scegliendo scatole di carta impermeabili, e se si va con la fame si tende a riempire in modo abominevole una o più scatole, pagando anche molto e lasciando per sopraggiunta sazietà buona parte del cibo. Insomma, non bisogna avere gli occhi più grandi dello stomaco.
  • Burger Joint at Le Parker Meridien. Passa per essere uno dei migliori hamburger di New York. Di sicuro è uno dei migliori che io abbia mai mangiato. Semi-nascosto nella hall del Parker Meridien, hotel di lusso con ingressi sulla 56th e la 57th tra la sesta e la settima avenue, è un buco trasandato con una trentina di posti, sempre pieno, che sforna solo tre tipi di piatto: hamburger, cheeseburger e formaggio grigliato, accompagnati da patatine e birra o coca cola. Niente altro. Il prezzo di un hamburger è di 7$, il cheeseburger costa 8$. Una volta ordinato i panini avvolti nella carta e le patatine in una bustina da pane vengono schiaffati in mano con poca grazia, a voi trovare posto a sedere. Brutale il servizio, non bisogna andare per fare due chiacchiere, ma ne vale la pena.
  • Hummus Place. Nel West Village, piccolissimo, una dozzina di posti a sedere. Cucina israeliana con una centralità assoluta dell’Hummus, il puré di ceci con salsa Tahiné (al sesamo). Notevole, molto buono.
  • Veselka è un ristorante di cucina ucraina nell’East Village. Io ho provato il Borsch, una zuppa di cavolo rosso, e un assaggio di sette pierogi: fagottini di sfoglia fritti ripieni di formaggio, o carne, o spinaci, o tante altre cose sfiziose. Con Side dish e birra siamo sui 25 dollari a testa.

Social Media Week: ePublishing

Stamattina sono stato al primo evento, per me, della Social Media Week Rome: “Parole digitali: la rivoluzione ePublishing”.

Si è parlato di editoria elettronica in termini piuttosto generali, coniugati nelle due declinazioni di ebooks da un lato e giornalismo digitale dall’altro. Evento con connotazione piuttosto divulgativa, sala piena (come tutto quello che in questo periodo ha a che fare con l’epublishing). La tavola rotonda è stata coordinata da Raffaele Barberio di ebook.it, e gli interventi di gran lunga più interessanti sono stati quelli di Marco Calvo di Liber Liber. A seguire, il suo condivisibile intervento sui DRM nell’industria discografica e in quella digitale.

[DISCLAIMER: le riprese sono state effettuate con una videocamera Kodak Play Touch, fornitami dalla Kodak, per la quale, agli eventi della Social Media Week cui parteciperò, sarò unofficial reporter]

Il fondo bruno e Cattivissimo Me

Venerdì scorso, grazie a Universal Pictures Italia e alle GGD Roma sono stato invitato a partecipare ad un mini-corso di cucina tenuto presso A tavola con lo Chef, in occasione dell’uscita in blu-ray di Cattivissimo Me.

La serata, condotta dallo chef Antonio Chiappini, è consistita nella preparazione, assieme ad altri foodblogger (tra i quali Max di CucinaSMS, Slawka di Marketing del vino, Daniela SenzaPanna e Giulia Rossa di Sera), di una cena tutta basata sul giallo, il colore dei Minions.

Divertente, non c’è che dire!

Ma una cosa che mi ha dato molta soddisfazione è stata la spiegazione da parte di Antonio del procedimento per fare il fondo bruno, che avevo letto tante volte e che mai avevo avuto la pazienza di preparare. Oggi ne ho approfittato, e condivido con voi la ricetta.

Il fondo bruno è una base che si può usare per insaporire (in questo caso di carne) tutti i piatti che lo richiedono, di fatto è un sostituto fatto in casa per il dado. E tutta la fatica per produrlo può essere capitalizzata coservandolo in formine da ghiaccio nel freezer, prendendone un cubetto quando serve.

Ingredienti

1,5 kg di ossa e cartilagini (quelle che avevo io erano di vitello e maiale)
300 g di carote
300g di cipolla bianca
200 g di sedano
3 spicchi di aglio
Pepe, Timo e spezie a piacere
7-8 ore a casa per la cottura

Procedimento

Lavare ossa e cartilagini e disporle su una teglia da forno molto ampia foderata di carta forno.
Infornare a 200° per un’ora e mezza. Al termine della tostatura in forno, eliminare con un cucchiaio il grasso dal fondo della teglia, aggiungere le verdure tagliate a pezzettoni e rimettere per un’altra mezz’ora in forno.

Una volta sfornato, passare tutto in una pentola molto capiente (eliminando l’eventuale ulteriore grasso) e aggiungere almeno sei litri di acqua, il sale (poco, perché il tutto si restrigerà di circa sei volte) e le spezie a piacere.

Portre a ebollizione a fiamma alta, e quindi abbassarla al minimo, lasciando sobbollire scoperto per almeno 4 ore, finché il tutto non si sarà ristretto a circa un litro.

Scolare, e una volta che il liquido si sarà raffreddato, eliminare l’ulteriore grasso, quindi travasare nelle formine per ghiaccio e passare in freezer.