Single Hop Festival – Degustazione di birre al 4:20 – Venerdì 25 e Sabato 26 novembre 2011

Non vi siete ancora organizzati per il weekend? Ho ricevuto un paio di giorni fa questa segnalazione da parte della Brasserie 4:20 vicino Porta Portese(non la conoscete? Male, malissimo! A breve posterò una recensione) e mi piace condividerla con voi.

Si tratta di due eventi in due giorni all’insegna delle Indian Pale Ale brassate dal birraio danese Mikkeller.

Single Hop Festival Venerdì 25 e Sabato 26 Novembre

Nei due giorni del Festival saranno in degustazione, a 4,50 Euro l’una, ben 10 IPA Single Hop di Mikkeller, tutte identiche nela ricetta tranne che per un unico dettaglio: sono birrificate usando un unico luppolo (da cui il nome “single hop”) differente per ognuna.

Di fatto è un’occasione unica per scoprire quanto la qualità e tipologia di luppolo, ceteris paribus, influisca sul risultato organolettico finale.

Vip BBQ Session pomeridiana – Sabato 26 Novembre

Nell’ambito del festival è prevista anche, per Sabato 26 dalle 12 alle 16, un barbecue all’aperto seduti nell’ampia terrazza del 4:20.

Oltre alla possibilità di degustare le birre del festival, verranno serviti piatti di carne e e vegetariani cucinati al barbecue e cucinati per oltre dodici ore negli affumicatori del locale. Il tutto accompagnato dalle Signature BBQ Sauce  dal 4:20.

Io penso di farci un salto!

Per prenotare o per maggiori informazioni:

Brasserie 4:20
Via Portuense 82 (mappa)
+39 0658310737
tecnobirra420@gmail.com

Il fondo bruno e Cattivissimo Me

Venerdì scorso, grazie a Universal Pictures Italia e alle GGD Roma sono stato invitato a partecipare ad un mini-corso di cucina tenuto presso A tavola con lo Chef, in occasione dell’uscita in blu-ray di Cattivissimo Me.

La serata, condotta dallo chef Antonio Chiappini, è consistita nella preparazione, assieme ad altri foodblogger (tra i quali Max di CucinaSMS, Slawka di Marketing del vino, Daniela SenzaPanna e Giulia Rossa di Sera), di una cena tutta basata sul giallo, il colore dei Minions.

Divertente, non c’è che dire!

Ma una cosa che mi ha dato molta soddisfazione è stata la spiegazione da parte di Antonio del procedimento per fare il fondo bruno, che avevo letto tante volte e che mai avevo avuto la pazienza di preparare. Oggi ne ho approfittato, e condivido con voi la ricetta.

Il fondo bruno è una base che si può usare per insaporire (in questo caso di carne) tutti i piatti che lo richiedono, di fatto è un sostituto fatto in casa per il dado. E tutta la fatica per produrlo può essere capitalizzata coservandolo in formine da ghiaccio nel freezer, prendendone un cubetto quando serve.

Ingredienti

1,5 kg di ossa e cartilagini (quelle che avevo io erano di vitello e maiale)
300 g di carote
300g di cipolla bianca
200 g di sedano
3 spicchi di aglio
Pepe, Timo e spezie a piacere
7-8 ore a casa per la cottura

Procedimento

Lavare ossa e cartilagini e disporle su una teglia da forno molto ampia foderata di carta forno.
Infornare a 200° per un’ora e mezza. Al termine della tostatura in forno, eliminare con un cucchiaio il grasso dal fondo della teglia, aggiungere le verdure tagliate a pezzettoni e rimettere per un’altra mezz’ora in forno.

Una volta sfornato, passare tutto in una pentola molto capiente (eliminando l’eventuale ulteriore grasso) e aggiungere almeno sei litri di acqua, il sale (poco, perché il tutto si restrigerà di circa sei volte) e le spezie a piacere.

Portre a ebollizione a fiamma alta, e quindi abbassarla al minimo, lasciando sobbollire scoperto per almeno 4 ore, finché il tutto non si sarà ristretto a circa un litro.

Scolare, e una volta che il liquido si sarà raffreddato, eliminare l’ulteriore grasso, quindi travasare nelle formine per ghiaccio e passare in freezer.