Ditirambo

Il Ditirambo è un ristorante-trattoria molto carino situato in piazza della Cancelleria, in pieno centro storico. Il locale è piccolo (60 coperti), arredato in uno stile a metà strada “fra il bistrot francese e l’osteria romana” (così recita il sito internet): i tavoli sono in effetti molto vicini, ma comunque la rumorosità è contenuta entro livelli accettabili.

Il locale punta tutto sulle materie prime di qualità: pane, pasta e dolci sono fatti in casa, i formaggi sono fra i più famosi e ricercati d’Italia, la lista dei vini è fra le più complete che si possano trovare. Il menù spazia attraverso tutto il panorama culinario italiano e cambia di continuo. Fra gli antipasti citiamo crostini di polenta grigliata con moscardini profumati al tartufo e salsa di crostacei e il cannolo di farina di castagne con melanzane; i primi comprendono i testaroli (grossi rombi di pasta fresca tipici della Lunigiana) con pesto alla genovese, ma degni di nota sono anche le casarecce con aragostine e carciofi e la crema di cicoria con dadolata di triglie ed emulsione di fumetto di pesce. A questo punto si può scegliere tra un secondo “tradizionale”, come il filetto di tonno in crosta di papavero blu con quenelle di sedano rapa al dragoncello o l’arista al tegame in salsa di cipolle rosse e lardo di patanegra croccante, oppure un “piatto di mezzo” (così lo definiscono nel menù), come possono essere delle polpette di melanzane alla calabrese o delle (squisite) insalate, come la pachino, rughetta e scagliette di Vecchio Piave (formaggio stagionato) o la spinaci, pere e Moliterno (formaggio dolce). Tutto molto buono. Purtroppo non siamo riusciti a testare i dessert, comunque per dovere di cronaca citiamo il millefoglie con crema di zabaione al moscato e gocce di cioccolato Valrhona, il budino di amaretto con cioccolato fondente fuso ed il tiramisù allo zafferano.
Il servizio è giovane, simpatico e abbastanza veloce. Anche il conto è una piacevole sorpresa: antipasto+primo+”piatto di mezzo”+bottiglia di vino= €30, che ci pare del tutto giustificato per la qualità del cibo e del servizio.
Consigliata la prenotazione, visto che il locale è piccolo. Chi fosse interessato, può consultare il sito internet del ristorante, costantemente aggiornato con i nuovi menù proposti.

Condividi

12 thoughts on “Ditirambo

  1. L’ho provato, e sinceramente sono rimasta un po’ delusa :-/
    Bello l’ambiente, invitante il menu… ma tutto sommato un’impressione di “vorrei ma non posso”. Buone idee, buone materie prime ma esecuzione un po’ approssimativa e soprattutto troppo carica di condimenti che sovrastavano del tutto i gusti.
    Bello spunto ma parecchia strada da fare

  2. Iera sera cercavo proprio un posticino tranquillo,senza pretese ma dove mangiare cose particolari e gustose e così,letto l’interessante commento,prenoto per due. devo dire che sono rimasta parecchio delusa per vari motivi: le porzioni erano decisamente piccole, abbiamo aspettato 15 minuti fuori dal ristorante nonostante la prenotazione,il servizio è lento (ok che era venerdì sera,ma ci sono solo 60 coperti!) e i prezzi erano al di sopra delle aspettative viste le porzioni. per un antipasto e un primo a testa,mezzo litro di vino e una bottiglia d’acqua abbiamo speso ben 27 euro a testa…mi sembra eccessivo! solo perchè è un posto pieno di turisti non vuol dire che devo per forza spendere tanto per mangiare in maniera così poco soddisfacente!
    andrà meglio la prossima volta…in ogni caso tutte le altre volte che ho seguito i tuoi consigli è andata benissimo!

  3. Sono tornato in questo ristorantino dopo un po’ di tempo e sono rimasto deluso. Qualche anno fa la cucina era ricercata, il servizio attento, i prezzi contenuti.
    Ora e’ diventata una piccola trappola per turisti, con una cucina troppo sbrigativa e anonima stile “catena di montaggio”, servizio lento e non cortese, prezzi troppo alti per la qualita’ offerta.
    Alla fine c’e’ una sorpresina, quando ti portano il conto ti presentano un “preconto” non fiscale, se paghi in contanti ti tieni quello, se invece paghi con la carta te lo sostituiscono con una ricevuta fiscale vera e propria. Ho trovato questo trucchetto molto fastidioso, e indicativo della generale tendenza del locale.

  4. 🙂 sono stata in questo ristorante due sere fa, ho trovato un ambiente caldo ed accogliente, i ragazzi in sala sono stati perfetti e molto disponibili senza essere invadenti. ho trovato deliziosi gli antipasti, il cannolo di farina di castagna con formaggio e radicchio stufato molto interessante.. altrettanto buoni i dessert e fornitissima la cantina. non mi trovo assolutamente d’accordo con i commenti precedenti forse si sono imbattuti in una serata no!

  5. Mhmm…

    Interessante… Ci vado o non ci vado????

    Ho trovato questo gruppo (SecondoMe) proprio perchè stavo cercando una ristorante per questa stasera… nella ricerca ho recensito i posti che già conoscevo… Questo ancora non lo conosco ma data la posizione, ho appuntamento a campo de fiori, ho deciso di provarlo. Darò ragione a Luca(commento negativo) o ad Alessandra (commento positivo)…
    Ai posteri l’ardua sentenza…
    E cmq domani lo saprete!!!

    Sperando che sia un buon appetito, vi saluto….

    E ancora complimenti per l’idea!!!

  6. 😀 troppo divertente leggere i commenti cosi contrastanti…
    conosco il ristorante da tempo e devo dire la verità che se ho un’amica con cui uscire per una cenetta piacevole mi gioco sempre la carta Diti.
    Dopo una passeggiata per le vie di campo non c’e’ nulla di meglio di riposarsi ad un tavolo… stappare una bottiglia di vino circondato da un mix di turisti da tutto il mondo… e che dire dei camerieri… mi ha servito un ragazzo giapponese che parlavo piu’ romano di me :)))
    ho ancora impresso il profumo dei piatti ai frutti mare che uscivano dalla cucina… lode alla cucina 🙂
    per il resto non mi dilungo… da provare!!!!!_____^^

  7. Ciao a tutti!
    Sono stata più volte al Ditirambo,anche ultimamente e sono in sintonia con Alessandra!!
    Oltre all’accoglienza del personale su cui non ho avuto mai nulla da ridire ( tutti molto gentili e disponibili), anche le pietanze sono sempre state graditissime. Il cannolo è superlativo!!!Oltretutto il menù è vario e varia di tanto in tanto con ciò che la natura offre stagionalmente e questo è segno di qualità!!
    Memento!! vai vai e non rimarrai deluso!!!

    Sinceramente poi ,27 euro per vino rosso acqua, antipasto e primo è il prezzo onesto di un incontro con la qualità!
    (Oggi 27 euro si spendono in pizzeria!)
    Io consiglio di tornare a chi sia rimasto deluso e di andare a chi non conosce la cucina del Diti!

  8. Ah…dimenticavo!!!
    Per chi è amante della cantina…la lista dei vini è eccellente!!!
    Fatevi consigliare da Luca il proprietario!
    ODDIOOOO C’HO FAMEEEEEEE!!!

  9. Una forte delusione dopo esserci tornato dopo alcuni anni.In particolare il pesce non è all’altezza e viene presentato in modo non curato.Sulla carta dei vini non sono segnalate le bottiglie esurite(solo la terza scelta è andata a buon fine).Considerati i prezzi questo abbassamento di qualità non è ammesso.Il problema è in cucina.

  10. 😉 😀 salve,vado molto spesso al ditirambo e volevo solamente dire che il ristorante è molto accogliente…e il cibo di ottima qualità .ogni volta sempre più creativo.con ottimi piatti vegetariani.specialmente le polpettine alla calabrese.

  11. Al centro è una delle rare realtà che fanno un lavoro sapendo cosa fare.Spesa 30/35 euro buona scelta di piatti e lista di vini fornita.Trovo sempre qualcosa di sfizioso.Certo non è un posto per una serata intima o una cena d’affari appartata.Posto affidabile e giusto nel prezzo

  12. Andato ieri sera. Cucina molto buona! ho preso zuppa ceci, polipetti e rosmarino ottima! e involtini di pesce spada alla siciliana, buonisimi anche quelli. Nota dolente.. è un po caro!

Leave a Reply

Your email address will not be published. Required fields are marked *