La Pratolina

A me la Pratolina piace tanto!

Si tratta di una pizzeria, anzi di una pinseria, non grandissima nel cuore di Prati. I proprietari sono gli stessi dell’Antica Schiacciata Romana a Monteverde, con il quale condividono anche il menu.

Si parte con gli sfizi fritti, tris di crocchette e bocconcini fritti. Noi abbiamo provato gli sfizi di terra, che comprendevano un bocconcino di melanzane e mozzarella, una assaggio di scamorza e una crocchetta di patate con ricotta e spinaci. Il fritto è molto asciutto e ben fatto, gustoso.

A seguire, il piatto principe, la pinsa. Di fatto è una sorta di pizza dalla forma allungata, poco più spessa della cosiddetta “pizza romana” e cotta al forno a legna. I condimenti possibili sono quelli usuali della pizza, e così si può andare dalle classicissime mozzarella e pomodoro alla mia preferita, broccoletti e salsiccia, passando per una quarantina di possibili varianti. Il punto di forza delle pinse de La Pratolina è l’impasto, leggerissimo, e la cottura, a mio avviso perfetta, con la base croccante all’esterno e morbida all’interno.

A chiudere, il dolce, un po’ sotto le aspettative: ho preso una mousse al cioccolato con le mandorle, ma il risultato è troppo dolce per quanto riguarda la mousse e insipido per quanto riguarda le mandorle a filetti, che non agiungono nulla alla mousse. Il consiglio, in questo caso, è saltare il dolce e poi farsi una passeggiata nella vicinissima Gelateria dei Gracchi, in via dei Gracchi 272.

Il conto, con una Menabrea ambrata alla spina e un caffè, è intorno ai 25 Euro.

(foto presa dalla pagina facebook de La Pratolina. Così mi imparo a dimenticarmi la macchinetta fotografica)

Il Conte di Montecristo / Il Conte Tacchia

Innanzitutto un grazie a Francesca, che oramai più di un anno fa mi aveva consigliato di provare questo ristorante nel cuore di Trastevere.

Poi, un chiarimento sul nome: ce lo siamo fatti spiegare dall’attuale proprietaria, che gestisce direttamente anche la sala: all’inizio il ristorante si chiamava “Il Conte di Montecristo”, poi, a seguito di un cambio di proprietà, è divenuto “Il Conte Tacchia”. Infine, da giugno scorso, i gestori storici sono divenuti proprietari e lo hanno riportato al vecchio “Conte di Montecristo”. Insomma: un bel miscuglio, ma ne siamo venuti a capo!

Detto questo, il Conte è un ristorante molto buono, che coniuga la tradizione romana con alcune piacevoli aperture all’innovazione. Continue reading “Il Conte di Montecristo / Il Conte Tacchia”

Il Monastero

Le pizze giganti hanno generalmente il vizio di perdere in qualità, ma in quel di Viterbo la pizzeria “Il Monastero” rappresenta una valida eccezione alla regola.
La pizza viene presentata in tavola su due piatti, in un tripudio di condimento.
Caratteristica di questa pizza oversize è la possibilità di scegliere un bigusto. Continue reading “Il Monastero”