Tag Archives: ricetta

La bistecca di pollo – Video ricetta

Bistecca di pollo Da quando, qualche settimana fa, la Signora Maria mi ha detto di aver mangiato delle “bistecche di pollo” comprate già fatte da un macellaio qui a Roma, non mi sono dato pace finché non sono riuscito a riprodurle.

La descrizione è banale, perché basta prendere una sovracoscia di pollo, disossarla, spellarla, aprirla a libretto e batterla.

L’esecuzione un po’ meno, ed è per questo che per la prima volta mi sono lanciato in una video-ricetta.

E allora, bando alle ciance. Ecco qui il video!

Per la preparazione, finora l’ho provata ai ferri in modo tradizionale (ed è davvero gustosa perché la carne della sovracoscia è molto succosa e tenera), sia ricoperta di pan grattato prima della cottura. A breve la proverò con farina e limone.

La procedura è un po’ laboriosa, ma il gusto finale è davvero strepitoso.

Enjoy!

Per la musica nel video Creative Commons License Awel by stefsax is licensed under a Attribution.

Curry di pollo, gamberi, arachidi e lychees

Uno degli accostamenti che più mi sono rimasti impressi della cucina thailandese che ho provato a Londra è stato l’affiancare la carne ai crostacei e alla croccantezza delle arachidi.

Ecco allora l’idea di un curry di pollo e gamberi molto profumato, anche grazie alla presenza di molta frutta: mele e banane per dare corpo, e lychees come tocco finale.

Ingredienti (per due persone):

4 sovracosce di pollo (che poi da piccolo le ho sempre sentiti chiamare ‘sottocosce’. Poi un giorno nei supermercati è uscito sovracosce e mi ci sono abituato)
100 grammi di gamberi sgusciati (io, ma non lo dite a nessuno, ho usato i gamberetti surgelati. Completamente insapori, peraltro)
3 cucchiai di arachidi tostate
1 mela smith
1 banana
5-6 pomodorini datterino
1 cucchiaio di uvetta sultanina
un quarto di cipolla (meglio la bianca, io ho usato la rossa)
5-6 lychees (io ho usato quelli sciroppati)
4 cucchiai di yogurt greco
3-4 cucchiai di curry in polvere (vedi sotto)

Procedimento:

Partiamo dal curry in polvere: qui decidete voi quello che preferite: se ne avete uno buono, che vi piace, andate tranquillamente. Io ultimamente ho preso a farlo a casa miscelando le singole spezie. Per quello della ricetta, che non volevo fosse piccante, ho usato:

  • un cucchiaio di curcuma
  • due cucchiaini di cumino macinato al momento
  • un cucchiaino di senape macinata al momento
  • mezzo cucchiaino di aglio in polvere
  • una spolverata di paprika
  • una macinata di pepe
Mettete sul fuoco una padella antiaderente e in un filo d’olio iniziate a rosolare la mela e la cipolla ridotte a pezzettini.
Tenete vicino un bicchiere d’acqua tiepida (meglio sarebbe del brodo) e aggiungetelo man mano che il soffritto si secca. Lo scopo è far ridurre il più possibile a poltiglia la mela.
Nel frattempo occorre fare un’operazione noiosa ma necessaria: armati di un buon coltello occorre spellare le sovracosce, disossarle evitando di buttarne la metà (e questa è la parte difficile) e ridurle a piccoli bocconcini da 1-2 centimetri, mettendoli poi in un piatto in attesa di cottura.
Sbollentate intanto anche i gamberi sgusciati in mezzo litro d’acqua.
Aggiungete al soffritto in cottura il curry e mescolate per amalgamare.
Fate rosolare per 3 minuti e quindi aggiungete l’uvetta. Dopo altri due minuti, versate nella padella il pollo a pezzetti.
Fate cuocere per 5 minuti, mescolando frequentemente, e quindi aggiungete la banana a fettine sottili.
Dopo altri 3 minuti è il turno dei gamberetti. Ricordatevi di tenere sempre il fondo liquido, aggiungendo acqua o brodo alla bisogna.
E infine, dopo altri 3 minuti versare le arachidi e i lychees.
Aggiustare di sale (se avete usato il brodo probabilmente non ce ne sarà bisogno), far stringere per 3-4 minuti, finché il sugo non sarà denso e quindi togliere dal fuoco e amalgamare con 4 cucchiai di yogurt greco.
Servire il curry in una ciotola, accompagnato da 70 grammi a testa di riso basmati mescolato con un cucchiaio di sesamo tostato in padella.

Fare lo yogurt in casa, senza la yogurtiera

Faccio lo yogurt in casa ormai da quasi due anni, ma fino a un paio di settimane fa ho sempre usato una di quelle yogurtiere che si trovano in commercio a 10-15 Euro e che sono in grado di fare circa un litro di yogurt per mandata.

Le yogurtiere vanno benissimo, per carità, ma hanno, almeno la mia, un paio di difetti: innanzitutto non è possibile fare più di un litro di yogurt per volta, e se si è anche solo in due a mangiarlo, significa fare yogurt ogni tre-quattro giorni; in secondo luogo, la temperatura spesso non è ottimale e possono servire 10-12 ore per fare lo yogurt, il che porta facilmente a risultati non controllabili e soddisfacenti.

Dopo un po’ di ricerche, ho trovato come fare lo yogurt in casa in modo semplice, rapido e senza yogurtiera sul sito di faromagio.it.

Tutto ruota intorno al cosiddetto Accrocchio, che da oggi in poi sarà la vostra yogurtiera autoprodotta.

Ingredienti per l’Accrocchio:
5 metri (o più lungo, a seconda della distanza forno-prima presa utile) di cavo elettrico
1 spina
1 portalampada con attacco grande
1 lampadina a incandescenza da 40 W

Procedimento per l’Accrocchio:
Pelare le due estremità del cavo.
Da un lato collegare la spina e dall’altro il portalampada.
Avvitare la lampadina nel portalampada.

(Ebbene sì, fare la ricetta dell’accrocchio è una cretinata, ma mi divertiva farlo!)

Passando allo yogurt vero e proprio. La ricetta che ho usato, per 1,5 litri di yogurt, è questa:

Ingredienti per lo yogurt:
2 litri di latte intero fresco
1 litro di latte di capra parzialmente scremato (io ho trovato solo quello UHT)
1 cucchiaio di yogurt intero (ho usato quello Latte Sano)

Lo yogurt che ne viene è molto cremoso e ha una punta di acido data dal gusto del latte di capra che lo rende davvero molto goloso.

Procedimentoper lo yogurt:
Il procedimento è molto più lungo a scriverlo che ad eseguirlo.

Continue reading

Il Migliaccio

Il migliaccio è un dolce tipico del carnevale napoletano. Ma vuoi per mia ignoranza, vuoi perché l’aroma di fiori d’arancio lo associo indissolubilmente alla pastiera e alla Pasqua, è appunto a Pasqua che sono solito prepararlo.

L’esecuzione è semplicissima, si tratta essenzialmente di un dolce di semolino, ricotta e uova, e la ricetta qui di seguito è della mamma di Mary, una mia collega di quando lavoravo a Sanpaolo IMI.

La riporto così com’è. Forse un po’ di zucchero in più non guasta, ma anche così dà molta soddisfazione.

Ingredienti per il semolino:

150 gr. di semolino, 50 gr. di burro, ¾ di latte, 2 cucchiai abbondanti di zucchero, un pizzico di sale

Ingredienti per la ricotta:

500 gr. di ricotta (preferibilmente di pecora), 4 cucchiai abbondanti di zucchero, 4 uova intere e 2 tuorli, la buccia di 1 limone grattata, 1 fialetta di aroma “fior d’arancio”, un pizzico di cannella.

Lavorazione:

1° fase: Preparare il semolino nel seguente modo:

Portare ad ebollizione il latte con il burro, lo zucchero e un pizzico di sale; togliere un attimo dal fuoco e versare a pioggia il semolino mescolando con un cucchiaio (possibilmente di legno),  rimettere sulla fiamma bassa mescolando continuamente, fino a cottura del semolino (circa 4 o 5 minuti). Lasciare raffreddare.

2° fase:

Lavorare la ricotta con tutti gli altri ingradienti (tranne la fialetta) con il frullatore ad immersione, quindi aggiungere il semolino ormai quasi freddo e continuare a lavorare con il frullatore; assaggiare per verificare se è abbastanza dolce.

Alla fine aggiungere la fialetta, mescolare qualche secondo e versare in una teglia imburrata ed infarinata di media grandezza.

Infornare a 170° per circa 45 minuti o finchè la superficie diventi dorata. Spegnere e lasciare raffreddare in forno.

Servire con zucchero a velo, spolverato al momento.

P.S.: prima di infornare, metter sulla superficie dei piccoli fiocchetti di burro.

Si possono aggiungere all’impasto anche pinoli e uva passa.