Zuppa di broccoli e arzilla

Succede che vivi per 35 anni a Roma e non conosci, non hai mai mangiato e non hai mai preparato un piatto tradizionale, come la minestra di broccoli e arzilla con la pasta.

Succede che per un motivo o per l’altro questo piatto, di cui non sospettavi neppure l’esistenza, improvvisamente viene nominato per tre-quattro volte nel giro di pochi giorni in contesti diversissimi.

Succede allora che quando passi davanti alla pescheria sotto casa e trovi in bella mostra tre arzille decidi che i segnali sono sufficienti, e ti decidi a preparare questa benedetta ricetta.

Deliziosa, la propongo qui senza pasta e con il pesce incorporato nella minestra, tanto per andare incontro alla necessità di ridurre i carboidrati in tempo di dieta.

Ingredienti per due persone:
6-700 grammi di arzilla (che poi sarebbe la razza). Per due persone, il pescivendolo me ne ha data mezza
1 broccolo romano
1 acciuga dissalata (io ho usato la pasta d’acciughe)
3 pomodori pelati
1 carota
1 cipolla
1 gambo di sedano
1 mazzetto di prezzemolo
1 spicchi di aglio
1 bicchiere di vino bianco
Olio, sale

Preparazione:
Pulire l’arzilla e farla a pezzi. Si può chiedere al pescivendolo di farlo per voi, io l’ho fatta anche spellare.

In una pentola mettete 3 litri d’acqua, la carota, il sedano e la cipolla a pezzi e i gambi del prezzemolo. Aggiungere la razza e poco sale grosso. Cuocete per una mezz’ora dall’ebollizione.

Nel frattempo, far scaldare in un tegame capace un po’ d’olio (noi siamo a dieta, e per due persone ho messo 3 cucchiaini) e fare soffriggere lo spicchio d’aglio schiacciato. Aggiungere l’acciuga a pezzetti, o la pasta di acciughe e versare il vino man mano, fino a far sfaldare l’acciuga.
Unire i pomodori pelati a pezzetti e far andare.
Lavare e tagliare le cimette del broccolo, aggiungendole al sughetto. Se si seccasse, aggiungere un mestolo di brodo filtrato con un colino stretto.

Intanto il brodo si sarà ridotto a circa la metà. Prelevare l’arzilla e staccare la polpa dalle spine e dalla carcassa, riaggiungendo queste ultime al brodo man mano che saranno pulite (in modo che continuino a rilasciare sapore).

Spezzettare e sbriciolare la polpa in un piatto. Una volta finito, spegnere il brodo e aggiungerlo, sempre passandolo dal colino, al tegame con i broccoli. Aggiungere anche l’arzilla a pezzetti e far cuocere per altri 15-20 minuti.

Finita la cottura, lasciar riposare una decina di minuti e poi servire.

Osteria della Forchetta

Attenzione, i proprietari dell’Osteria del 10-20-30 ci hanno segnalato che quest’ultima non ha cambiato gestione e che non conoscono affatto l’Osteria della Forchetta!

Della recensione a seguire prendete quindi per buona solo la descrizione!

Come già anticipato su questo blog, i precedenti gestori dell’Osteria del Dieci Venti Trenta hanno aperto questo locale, sempre in zona Clodio-Trionfale.

Dell’esperienza del vecchio locale si trova traccia nell’arredamento (anche qui pareti e tovaglie gialline, foto della Roma che fu), semplice ma elegante (ci sono meno coperti, circa 30), e nel menu.

E’ rimasta intatta infatti la voglia di mettere assieme i piatti popolari della cucina romana e italiana con delle proposte più originali e complesse. Continue reading “Osteria della Forchetta”

Osteria antichi sapori – da Leo

Posta nelle vicinanze di piazza Irnerio, non lontano dalla piccola chiesa della Madonna del Riposo, l’Osteria Antichi Sapori colpisce da subito per la sua microscopicità: già dall’esterno, infatti, si presenta come una piccolissima casettina isolata tra due caseggiati all’inizio dell’Aurelia (nei pressi del quale il parcheggio è, in modo eufemistico, impossibile).
L’interno non tradisce le attese, e appena entrati ci si trova catapultati in una sala lillipuziana, nella quale ci saranno al massimo una trentina di coperti, le cui pareti, a completare il claustrofobico insieme, sono letteralmente coperte di quadri, quadretti, piatti, mensole, e targhe di ogni tipo e gusto, da piccole riproduzioni di Bruegel a stemmi medievali, da ceramiche egiziane ad ritagli di giornale. Il tutto dà l’impressione di un ambiente caloroso e familiare, così come familiari sono i modi di Leo, il proprietario, che, con fare gioviale, serve in sala e non si risparmia in chiacchiere con i commensali.
L’ambiente rustico e casalingo, che è un po’ il pregio del locale, ne rappresenta in qualche modo anche il maggior limite, nella misura in cui tale impostazione si rispecchia nella cucina: tutti i piatti sono caratterizzati da un gusto e da una preparazione che ricordano molto, forse troppo, le “buone cose fatte in casa”, al punto che, se non si parte con una buona predisposizione, è possibile arrivare a chiedersi perché si sia andati al ristorante per mangiare come a casa!
Continue reading “Osteria antichi sapori – da Leo”

Il Caratello

La pizzeria si trova all’interno del centro sportivo dell’Acea. Fino a pochi anni fa era anche sede della mensa della vicina università Roma Tre.
Internamente, il locale, recentemente ristrutturato, si compone di una grande sala dotata di maxi-schermo che trasmette MTV e partite di calcio. D’estate i coperti vengono spostati all’esterno, sull’area della pista di pattinaggio. Continue reading “Il Caratello”

Cartoon

Vi piacciono i cartoni animati? Bene, allora Cartoon è il vostro posto! Questa pizzeria in zona Quadraro si caratterizza per la presenza, nelle 2 sale, di poster dei più famosi cartoni animati, Disney, Warner Bros e Hanna&Barbera. Non solo, il menu prende spunto dai personaggi animati per descrivere i piatti più originali e fantasiosi.
Continue reading “Cartoon”