Da Tonino

It’s worth waiting. E’ la cosa che mi capita tipicamente di dire agli stranieri che, passeggiando per Via del Governo Vecchio si affacciano curiosi alle vetrine di una minuscola trattoria, chiedendosi (o chiedendo) quanto tempo ci sia da aspettare.

Tonino non prende prenotazioni. Tutto ciò che potete fare è lasciare il vostro nome, e non allontanarvi troppo, in attesa che in nella piccola sala (non più di 30 coperti) qualche tavolo finisca.

E poi sedervi e godervi una cena a base di cucina tipica romana. Continue reading “Da Tonino”

Li scalini de Marisa

I Scalini (questo è il nome con cui lo conoscevo prima di leggere la ricevuta) è una delle trattorie storiche di Garbatella, il quartiere che i sussurri della città dicono diventerà il Testaccio del prossimo decennio. Di sicuro con Testaccio un cosa in comune ce l’ha: la sistematica carenza di parcheggio. E’ questo infatti il secondo problema da affrontare se si vuole mangiare da I Scalini. I più arguti di voi si staranno chiedendo qual è il primo problema (mentre i più insicuri e distratti si saranno riletti l’inizio, credendo di averlo saltato 😀 ). Continue reading “Li scalini de Marisa”

Mr. Chow

Mr. Chow è stata per me una recente piacevole scoperta. E’ un piccolo ristorante cinese nei pressi di largo Santa Susanna, vicino Piazza della Repubblica. La sala è circolare e piuttosto fastosa nell’arredamento, e la cura nel servizio è notevole, ma la sorpresa arriva quando iniziano ad arrivare i piatti ordinati.
Continue reading “Mr. Chow”

China Garden

Nel dedalo dei mille ristoranti cinesi che affollano Roma, il ristorante china garden, è un felice esempio di qualità,cortesia e convenienza! Con soli 20 euro in due infatti abbiamo gustato due croccantissimi involtini primavera, ben 5 ravioli al vapore, un ricco riso con gamberi (ci mettono pure i gamberi e non solo il solito quintale di piselli!), degli spaghetti di soia con carne e soprattutto due deliziosi e poco comuni secondi: pollo alla thailandese e pollo alla piastra!. C’è pure scappato un gelato fritto in due!
Continue reading “China Garden”

Osteria del Cannellino

Note sulla chiusura: chiuso anche Sabato a pranzo

Ci troviamo nella zona nord di Roma, tra ponte Milvio e piazza Mancini. L’Osteria del Cannellino è un indirizzo indicato per coloro che amano la “cucina romana di tradizione” (così recita il biglietto da visita). Il locale si compone di 2 sale, una grande con cucina a vista e una seconda più piccola riservata ai fumatori.
Continue reading “Osteria del Cannellino”

Acchiappafantasmi


Se vi trovate in zona Campo de’ Fiori e volete fermarvi a mangiare senza infilarvi in un posto da turista crucco in sandali e calzino bianco, potreste considerare l’ipotesi di provare l'”Acchiappafantasmi”. Il locale è piccolo, lo stile dell’arredamento ricorda le origini calabresi dei proprietari. D’estate si può mangiare anche all’aperto.

Continue reading “Acchiappafantasmi”

Siciliainbocca

Siciliainbocca, come dice il nome, è una trattoria siciliana, e tutto, dalle portate (ovviamente) al personale, all’allestimento del locale non fa altro che ricordarlo continuamente. La prima impressione che si ha entrando è la solarità: la sala è molto luminosa e le pareti sono arredate da caratteristici dipinti su ceramica; l’allestimento dei tavoli e le sedie in legno impagliato contribuiscono a dare una ricercata sensazione di fastosa povertà. Continue reading “Siciliainbocca”

Né Arte Né Parte

“Né arte né parte” è un ristorante-trattoria aperto da pochi mesi nel cuore di Testaccio, nato sulle ceneri di un altro ristorante molto avviato, “La Luna Piena”. I nuovi proprietari sono noti personaggi dello spettacolo (Ricky Memphis e Simone Corrente del commissariato X° Tuscolano di Distretto di Polizia) e la loro mano si vede nella trasformazione del locale. Continue reading “Né Arte Né Parte”