Category Archives: Roma Sud

Re Grano

Via Lago Santo 23
Roma
06-52372983
Sito Web: http://regrano.it
email: info@regrano.it

Re Grano è una pizzeria che si trova a Mezzocammino, adiacente a un centro sportivo. L’ambiente si articola sia all’interno che all’esterno su spazi molto grandi, con i tavoli assolutamente non addossati gli uni agli altri, il che è positivo.

In Rete ho trovato giudizi contrastanti, ma sarà perché era l’11 agosto e forse il pizzaiolo usuale era in ferie, sarà perché ho beccato una giornata ‘no’, fatto sta che la pizza che ho preso era spessa, molto croccante all’esterno e complessivamente piuttosto secca. Mi ha ricordato alcune pizze mangiate negli Stati Uniti, ma evidentemente mi sbaglio io, visto che sul loro sito è indicato che Re Grano è consigliato dalla Associazione Pizzerie Italiane, dalla Scuola Nazionale di Pizza, dall’Albo Italiano Pizzaioli Professionisti e dalla Rivista Ufficiale API “Pizza Italian Food”.

Ho anche provato un piatto di sfoglie di patate: patatine tagliate a mano (5 Euro), di buona consistenza ma troppo troppo unte (temperatura dell’olio troppo bassa?). Accompagnando il tutto con una spina media, la spesa è stata di 21 Euro.

Il servizio è stato molto distratto: un quarto d’ora prima che venissero a chiederci cosa volessimo da bere, altri 15-20 minuti prima che ci chiedessero cosa volessimo mangiare. E i tavoli non erano tutti occupati.

Complessivamente, un locale che non consiglierei.

Tramonti e Muffati

Via di Santa Maria Ausiliatrice 105
Roma
06-7801342‎

Giorno di chiusura: Domenica

Tre cose mi sono rimaste impresse di Tramonti e Muffati, un’ottima enoteca/ristorante tra l’Appia e la Tuscolana, vicino Via delle Cave:

  1. Il menu musicale: in prima pagina del menu era riportato l’elenco delle composizioni di musica classica di sottofondo
  2. Il fatto che il proprietario, nonostante il locale fosse mezzo vuoto (eravamo in 10 avventori in tutto), abbia negato il posto a molte persone che hanno cercato di entrare  a cenare per un semplice fatto: “la cucina è troppo piccola e vi farei aspettare troppo, allora preferisco non farvi mangiare proprio”. Ecco, di questi tempi queste sono le frasi che danno la misura della professionalità Continue reading

Flame – Il ristorante di Flavia Vento

Via Ostiense 97
Roma
06-5756220
Sito Web: http://www.flamerestaurant.it

Giorno di chiusura: –

Cioè, capito no? Ieri avemo mangiato al ristorante de Flavia Vento. FLAVIA VENTO. Cioè, non so se mi spiego!

Però mannaggia, nun ce stava.  Io me penzavo che si annavo ce stava lei tipo alla cassa, o magari sotto la cassa, dentro ‘na teca de vetro. E invece gnente. Nun ce stava. Ce so’ rimasto male!

Vabbè, la verità è che non lo sapevo che il ristorante era della Vento, anzi, io il ristorante lo conoscevo come “Mangiafuoco”. Poi quando abbiamo chiamato per prenotare ci hanno detto che si erano rinnovati ma la gestione era la staessa. Tacendoci così il dettaglio fondamentale: la proprietà. Qui e qui trovate le “prove”, ottenute grazie alle doti invesigative di Signora Maria. Continue reading

Enosteria

Via Marco Valerio Corvo 132
Roma
06-7674507
Sito Web: http://www.enosteria.it/
email: info@enosteria.it

Giorno di chiusura: –

UPDATE!

Enosteria da qualche tempo ha chiuso. Lasciamo la recensione ad uso e consumo dei posteri.

Al posto di Enosteria ha aperto un nuovo locale con una nuova gestione: La tana del Gusto. I nostri migliori auguri ai proprietari!

 

—-

Enosteria, sulla Tuscolana all’altezza di Via Giulio Agricola, è un indirizzo da tenere a mente se ci si trova in zona.

Siamo andati a provarla incuriositi dalle lodi intessute da un nostro amico, assiduo frequentatore, nei confronti della carbonara di pesce. Ne siamo usciti con la certezza di aver trovato un buon ristorante di pesce (fanno anche carne, ma non l’abbiamo provata) da tenere presente per il futuro. Continue reading

Albaruja

via Portuense 169
Roma
06 5806035
Sito Web: http://www.ristorantealbaruja.it/

Giorno di chiusura: –

Se da viale Marconi ci si dirige verso Porta Portese, appena oltrepassato il sottopasso ferroviario di piazza della Radio, quasi non lo si nota, nascosto dal muraglione della vecchia linea FS per Viterbo, in una costruzione bassa che si perde in mezzo ai palazzoni che caratterizzano (purtroppo) questo angolo di città. E devo dire che in 30 (e rotti) anni di vita trascorsi da queste parti, ci sono passato davanti migliaia di volte, senza mai entrare. Poi accade che qualcuno ti ci porti a cena e scopri che potevi anche svegliarti un po’ prima.

Albaruja è un ristorante di cucina sarda, in primis. Il menu è fortemente concentrato su tutto ciò che viene dal mare, pesce, molluschi, crostacei. Sautè di cozze e/o vongole, alici marinate, ostriche, polpo bollito (tenerissimo), come antipasti, accompagnati da una focaccia bianca appena sfornata. La scelta di primi prevede specialità sarde (pasta con bottarga, gnocchetti alla campidanese, spaghetti alla vernaccia) accanto a piatti più tipicamente romani (le classiche carbonara e amatriciana), tanto per non dimenticare che stiamo a 500 m da Trastevere e Testaccio. Secondi di carne e (soprattutto) di pesce, fra i quali vi segnalo un ottimo rombo al forno con patate. Dessert classici, il tiramisù è fatto in casa ed è discretamente “carico”. Continue reading

Sforno

via Statilio Ottato 110
Roma
06-71546118
Sito Web: http://www.sforno.it

Giorno di chiusura: Domenica

Finalmente riesco a recensire Sforno!

Sforno è una delle più celebri pizzerie di Roma. Amata visceralmente dai suoi sostenitori (“Sforno è LA pizzeria”) e molto apprezzata anche dai detrattori (“Sforno è ottima, però…”), sarebbe stato naturale metterla tra le prime recensioni di questo blog. Eppure. Eppure la distanza da casa mia, che si trova dalla parte quasi diametralmente opposta della città, e il diabolico sistema dei turni di cui dirò tra poco hanno fatto sì che ci andassi per la prima volta solo la scorsa estate e la seconda venerdì scorso.

Ma veniamo a noi: ci troviamo all’incirca a Cinecittà, nei pressi dell’incrocio tra la Palmiro Togliatti e la Tuscolana. Parcheggiare non è semplicissimo, ma neppure drammatico. Il principale limite è quello cui accennavo: i turni. Si può prenotare solo per due orari: alle 20,15 o alle 22 (quindi, per chi come me abita tra l’Aurelia e la Boccea significa che esiste solo il turno delle 22).
E prenotate, non è saggio non farlo. Continue reading

3hg Taberna

Circonvallazione Casilina 51
Roma
349-7311971
email: trehg@hotmail.it

Giorno di chiusura: Lunedì Martedì

3hg è un ristorante che ha aperto un paio d’anni fa nel cuore del Pigneto e che fa della contaminazione gastronomica tra terra e mare la propria chiave di lettura principale.

Dovessi trovare una parola per descrivere il locale, questa parola sarebbe molto probabilmente “bizzarro”. Anzi, sarebbero due: bizzarro e divertente.
Il cuoco e i gestori sono tre ragazzi sardi, il locale è stato chiaramente in passato un ristorante cinese (lo si desume dagli arredi e dal fatto che è attaccato a un hotel cinese. Lo sapevate che esistevano hotel cinesi a Roma fuori dalla zona di piazza Vittorio? Io no!), e in fondo alla lunga e ampia sala contornata da colonne ioniche e corinzie c’è un maxischermo che proietta “Class News”.

Sì: cucina di ispirazione sarda, arredi di ispirazione cinese, architettura di ispirazione greca e maxischermo di ispirazione… postmoderna?
Come lo definireste voi tutto questo?

Sottile è la linea che divide un buon ristorante bizzarro da un ristorante dozzinale e arraffazzonato (e Roma ne è piena).
Benché l’impatto iniziale per location e allestimento non sia dei migliori, 3hg si mantiene ben saldo al di qua della linea grazie alla indiscutibile (vabbè, se volete discutiamone!) bontà della propria cucina.

Continue reading

Tenmaya

Via Calpurnio Fiamma 47
Roma
06-765944
Sito Web: http://ristorantegiapponesetenmaya.com
email: ristorante.tenmaya@hotmail.it

Questo ristorante lo inseriremo nella prossima classifica dei ristoranti giapponesi a roma (su Youkoso Italia), valutandolo come migliore nel rapporto qualità/prezzo economico.

Il locale, a gestione cinese, aveva aperto i battenti con chef giapponesi puntando sulla semplicità ed economicità dei piatti, un punto di riferimento per chi veramente vuole puntare al prezzo basso senza però rimanere deluso.

Il locale che troverete nel quartiere tuscolano ha, oltre ai tavoli classici, anche salette in stile tatami ma a seduta in legno (pavimento in legno incavato per le gambe e tavolo).
I piatti sono abbastanza vari e il nuovo chef riesce a soddisfare anche diverse richieste particolari.
Continue reading

Retro ZeroDue

via dei Colli Portuensi 172
Roma
06 53273530
Sito Web: http://www.trattoriaretro.it

Retro ZeroDue non mi è piaciuto, e non è piaciuto neppure agli amici che sono venuti con me. Non ho capito bene qual è il passato che lo accomuna a Retro di viale Marconi (anzi, se qualcuno lo sa, me lo può raccontare nei commenti?), ma mentre in viale Marconi andrei a spendere i miei ultimi quattrini, qui da Retro ZeroDue non lo farei affatto. I punti in comune tra i due ristoranti si fermano all’arredamento e al menu del giorno scritto su una lavagna in sala. Stop.

Intendiamoci: non è che si mangi male, è semplicemente che i piatti non mi hanno per niente esaltato, soprattutto rispetto al prezzo. Continue reading

Ouzerì

via dei Salumi 2<
Roma
06 5816378
Sito Web: http://nuke.italiagrecia.com/tavernaouzeri/tabid/53/Default.aspx

[Benvenuto a Robie06 nel gruppo dei recensori di SecondoMe.com! Questa recensione è comparsa per la prima volta sul suo blog...]

La Grecia, volente o nolente, è una nazione “cardine” per i miei ultimi 9/10 anni, e Sonia era già da un po’ che mi chiedeva di andare a mangiare Greco.

Dopo una breve ricerca, abbiamo deciso di andare a mangiare a Trastevere, il ristorante scelto è stato “Ouzerì”.

La posizione del ristorante è invidiabile, parcheggiando sul lungo tevere all’altezza del ponte di ferro Palatino (o ponte inglese, l’isola tiberina per i non romani) a piedi saranno non più di 500m.

Il primo impatto non è stato dei migliori, perchè quando siamo arrivati (alle 8.40) i 40 posti del ristorante erano vuoti, nel corso della serata si è comunque riempito, e a fine serata abbiamo potuto capire il motivo.

Il ristorante, a parte qualche chiaro riferimento alla grecia e il sottofondo musicale inconfondibile, potrebbe benissimo sembrare una vecchia osteria trasteverina Continue reading