Maxelâ

Maxelâ è un ristorante particolare, un ristorante-macelleria basato su un principio simile al Bisteak di Pietralata (che prima o poi recensirò): oltre a scegliere dal menu, si può andare al banco a scegliere il taglio da farsi preparare. Ma rispetto a ristoranti simili ha qualcosa in più: la carne di Scottona proposta proviene da allevamenti proprietari del ristorante stesso. O meglio, della catena di ristoranti, nati a Genova e presenti con una decina di locali in Liguria, Lombardia, Toscana, Emilia Romagna e Lazio.

Detto questo, la mia esperienza al Maxelâ è stata buona, ma non esaltante. Aspetti positivi: i piatti molto gustosi e il servizio piacevolmente presente. Aspetti negativi: il tavolo che ci è toccato in sorte e le porzioni piuttosto risicate. Continue reading “Maxelâ”

Flame – Il ristorante di Flavia Vento

Cioè, capito no? Ieri avemo mangiato al ristorante de Flavia Vento. FLAVIA VENTO. Cioè, non so se mi spiego!

Però mannaggia, nun ce stava.  Io me penzavo che si annavo ce stava lei tipo alla cassa, o magari sotto la cassa, dentro ‘na teca de vetro. E invece gnente. Nun ce stava. Ce so’ rimasto male!

Vabbè, la verità è che non lo sapevo che il ristorante era della Vento, anzi, io il ristorante lo conoscevo come “Mangiafuoco”. Poi quando abbiamo chiamato per prenotare ci hanno detto che si erano rinnovati ma la gestione era la staessa. Tacendoci così il dettaglio fondamentale: la proprietà. Qui e qui trovate le “prove”, ottenute grazie alle doti invesigative di Signora Maria. Continue reading “Flame – Il ristorante di Flavia Vento”

Retro

Retro da oramai alcuni anni è una meta fissa delle mie incursioni culinarie, quando ho voglia di mangiare bene in un ambiente giovane, che lascia uno spazio non marginale al design degli interni, ispirato agli anni ’60 rivisitati in chiave moderna.
Innanzitutto, un chiarimento: sto parlando di Retro in Via Enrico Dal Pozzo, in una traversa di viale Marconi, e non di Retro in via dei Colli Portuensi, dove non sono mai stato. Continue reading “Retro”

La Loggetta

Il viaggio per arrivare sin qui non è dei più agevoli. Si prende la Roma-Civitavecchia e si esce a Santa Marinella, dopodiché si fanno 22 km di curve in mezzo a prati fioriti, ruscelli e bovini al pascolo (un vero spettacolo!), fino a giungere al centro di Tolfa. Una volta seduti, il povero stomaco, martoriato dalla strada, può finalmente consolarsi.
Innanzitutto, chiedere l’antipasto della casa: bruschette al pomodoro, ai fagioli, ai funghi e semplici, preparate col tipico pane sciapo di Tolfa; quindi affettati misti (ottima la lonza) e formaggio fresco. A questo punto ci si potrebbe già alzare, invece è qui che inizia il bello.
Continue reading “La Loggetta”

Augusto

La “Trattoria da Augusto” è un locale molto semplice sulla via Aurelia, appena fuori Ladispoli. Si può pranzare all’interno o all’aperto, sui tavoli posti sotto la veranda anteriore (con vista sull’Aurelia) o posteriore (migliore).
Continue reading “Augusto”

Capperi!

Capperi! è una pizzeria alla moda, ampia, luminosa, dai particolari curati e sempre piena di gente (tanto da non accettare prenotazioni il sabato sera!).

Gli antipasti sono numerosi e sfiziosi, in particolare sono gustosissime le olive ascolane (non le solite surgelate!) e da non perdere i pagnuttelli misti, piccoli panini fritti con prosciutto crudo e mozzarella, salame, ciauscolo, mortadella, mozzarella e alici, tonno e carciofini.
Continue reading “Capperi!”

Al Peperoncino

“Al peperoncino” è uno dei locali più in voga nella zona della basilica di San Paolo, prova ne è la coda di persone in attesa di un tavolo in ogni periodo dell’anno, a qualunque ora.

La struttura si compone di due sale, con capienza totale di circa 100 coperti, che d’estate arrivano anche a 150 grazie ai tavoli all’aperto.
Continue reading “Al Peperoncino”

L’Isola della Pizza

L’isola della pizza è uno di quei locali tipicamente romani dove regna una perenne confusione, specialmente nel fine settimana, dove i tavoli e le persone sono accatastati gli uni sugli altri, quietamente osservati dalle foto alle pareti delle celebrità che lì hanno pasteggiato. Posto che siate riusciti a districarvi nel groviglio e che siate riusciti a sedervi, il resto è puro godimento!
Continue reading “L’Isola della Pizza”