Sforno

Finalmente riesco a recensire Sforno!

Sforno è una delle più celebri pizzerie di Roma. Amata visceralmente dai suoi sostenitori (“Sforno è LA pizzeria”) e molto apprezzata anche dai detrattori (“Sforno è ottima, però…”), sarebbe stato naturale metterla tra le prime recensioni di questo blog. Eppure. Eppure la distanza da casa mia, che si trova dalla parte quasi diametralmente opposta della città, e il diabolico sistema dei turni di cui dirò tra poco hanno fatto sì che ci andassi per la prima volta solo la scorsa estate e la seconda venerdì scorso.

Ma veniamo a noi: ci troviamo all’incirca a Cinecittà, nei pressi dell’incrocio tra la Palmiro Togliatti e la Tuscolana. Parcheggiare non è semplicissimo, ma neppure drammatico. Il principale limite è quello cui accennavo: i turni. Si può prenotare solo per due orari: alle 20,15 o alle 22 (quindi, per chi come me abita tra l’Aurelia e la Boccea significa che esiste solo il turno delle 22).
E prenotate, non è saggio non farlo. Continue reading “Sforno”

Antica Schiacciata Romana

Ieri sera con alcuni amici siamo andati a mangiare all’Antica Schiacciata Romana, una pizzeria aperta da 2-3 anni (sembra) a Monteverde della quale non avevo mai sentito parlare. Dico subito che è stata una piacevole sorpresa.

Il locale è costituito da un paio di ambienti non molto grandi ed è arredato con gusto semplice e gradevole, dando complessivamente un’impressione di curata luminosità. I tavoli vicini ma non addossati creano un’atmosfera di allegra convivialità.

Abbiamo iniziato con gli sfizi fritti. Già dal menu si consiglia di prenderne uno ogni due persone per non esagerare con le porzioni, e così abbiamo fatto. Ci sono tre coppie di piccole crocchette in ogni piatto e i gusti sono i più disparati: mozzarella e basilico, riso allo zafferanno, ‘nduja, ricotta e spinaci, melanzane e riso e chi più ne ha più ne metta.
Buoni, molto sfiziosi e nella giusta quantità per non compromettere il gusto dei piatti succesivi.

Poi siamo passati al piatto principale della pizzeria: l’antica schiacciata romana. Continue reading “Antica Schiacciata Romana”

Pinsa e Buoi

Ai confini (esterni) della ztl notturna di San Lorenzo, vicino Porta Maggiore, sabato scorso abbiamo provato Pinsa e Buoi, un ristorante-pinseria (sì: ‘pinseria’, non ‘pizzeria’… capirete meglio più avanti…) che mi aveva incuriosito e che volevo provare da quando non sono potuto andare all’ultimo incontro organizzato da BlogBeer.
Parto dal mio personalissimo giudizio finale: Pinsa e Buoi potrebbe essere un ottimo ristorante, con piatti sufficientemente ricercati e contemporaneamente con un’ampia libertà di scelta nel menu. Però poi inciampa (e a volte cade, anche rumorosamente) su tutta una serie di dettagli che ti lasciano a fine serata con la sensazione che tutto sarebbe potuto andare meglio.
Continue reading “Pinsa e Buoi”

La ‘nduja 3

“La ’nduja 3” è l’ultimo arrivato (febbraio 2007) della catena “La ’nduja”, attiva con successo da anni nella zona est di Roma.
Il ristorante si compone di due ampie sale, con capienza totale di circa 200 coperti, l’atmosfera è allegra, pareti giallo oro con decori blu e ornamenti che ricordano la Calabria (regione caratterizzante i menu, ma forse si era intuito…)
Il ristorante è una pizzeria – bisteccheria – griglieria, può accontentare tutti i gusti. Chi ha frequentato “Al peperoncino” di via Ostiense, noterà una forte somiglianza con “La ’nduja 3”, per menu, qualità e prezzi, con più coperti a disposizione. Come antipasti, oltre ai classici fritti (supplì, fiori di zucca, olive ascolane), le bruschette miste (provate quella con la ‘nduja), le pizzelle ripiene, ma anche vassoi di affettati e insaccati calabresi, formaggi, focacce, spiedini di calamari, scamorze alla piastra con prosciutto o speck (porzioni molto abbondanti, fare attenzione).
Continue reading “La ‘nduja 3”

Al Peperoncino

“Al peperoncino” è uno dei locali più in voga nella zona della basilica di San Paolo, prova ne è la coda di persone in attesa di un tavolo in ogni periodo dell’anno, a qualunque ora.

La struttura si compone di due sale, con capienza totale di circa 100 coperti, che d’estate arrivano anche a 150 grazie ai tavoli all’aperto.
Continue reading “Al Peperoncino”

Acchiappafantasmi


Se vi trovate in zona Campo de’ Fiori e volete fermarvi a mangiare senza infilarvi in un posto da turista crucco in sandali e calzino bianco, potreste considerare l’ipotesi di provare l'”Acchiappafantasmi”. Il locale è piccolo, lo stile dell’arredamento ricorda le origini calabresi dei proprietari. D’estate si può mangiare anche all’aperto.

Continue reading “Acchiappafantasmi”